LA PROCEDURA DI ADOZIONE

 1   Condizioni

Per il cittadino italiano

Il cittadino italiano che vuole adottare un maggiorenne:

  1. Deve solo avere 18 anni di età in più rispetto al maggiorenne da adottare
  2. Può essere single o sposato
  3. Se è sposato o se ha già altri figli maggiorenni, dovrà avere il loro consenso per l'adozione
  4. Se ha figli minorenni, il consenso di tali figli verrà dato da un avvocato nominato dal Tribunale ("curatore speciale"), ma molti tribunali NON accettano che ci siano figli minorenni
Per il maggiorenne straniero

Il maggiorenne da adottare:

  1. Se il cittadino italiano è sposato, può essere adottato sia da entrambi i coniugi, ma anche da uno solo
  2. Può essere adottato anche se abita ancora nel suo Paese di origine
  3. Se i genitori del maggiorenne da adottare sono ancora in vita, deve avere il loro permesso per essere adottato
  4. Se è sposato, deve avere il consenso del coniuge per farsi adottare

 2   Documenti

Raccogliere i documenti stranieri è la parte più difficile di tutta la procedura, perché spesso lo straniero è già in Italia ma alcuni documenti possono essere fatti solo nel suo Paese di origine.

Alcuni tribunali vogliono dei documenti in più oltre a quelli standard di seguito elencati, perciò informarsi in anticipo.

ATTENZIONE

Tutti i documenti devono avere meno di 6 mesi il giorno in cui si presenta la domanda di adozione (non serve che abbiano più di 6 mesi anche il giorno dell'udienza)

Per il cittadino italiano
  1. Copia integrale dell’atto di nascita (da chiedere al Comune di nascita, anche per posta)
  2. Certificato di residenza
  3. Certificato di matrimonio o di stato libero
  4. Copia della Legge dello Stato di cui il maggiorenne è cittadino circa le adozioni di maggiorenni con relativa traduzione autenticata in italiano (oppure una tua semplice dichiarazione in cui affermi che "nello Stato di origine di ______ NON esiste una Legge circa le adozioni di maggiorenni")
  5. Dichiarazione resa sotto la tua responsabilità di fronte all’incaricato del Comune (detta "certificazione sostitutiva di atto notorio") con cui tu che adotti (detto "adottante") dichiari:
  • se hai o meno figli minorenni o maggiorenni
  • il tuo stato economico (guadagni e possedimenti)
Per il maggiorenne straniero
  1. Copia autenticata dell’atto di nascita
  2. Certificato di residenza
  3. Certificato di matrimonio o di stato libero
  4. Certificato di cittadinanza
  5. Certificati di morte dei genitori (se deceduti)
  6. Atto notarile con cui i genitori danno il loro consenso all'adozione (se in vita e non possono venire all'udienza)
  7. Copia del permesso di soggiorno
Come devono essere i documenti stranieri

Per poter essere utilizzati in ogni pratica legale, i documenti stranieri devono essere:

  • prima LEGALIZZATI nello Stato di origine (con le apostille oppure, ma solo se tale Stato non ha adottato le apostille, presso il Consolato italiano in quel Paese estero)
  • poi TRADOTTI in italiano con TRADUZIONE GIURATA in un qualunque Tribunale italiano

 3   Presentazione domanda

Molti tribunali pretendono che la domanda sia presentata da un avvocato per evitare grossolani errori nella documentazione.

Disponiamo di avvocati convenzionati: chiedici il preventivo!

Preparazione
  1. Compila un modulo che si chiama “NOTA DI ISCRIZIONE” (si ritira in tribunale)
  2. Compila una domanda di tua ideazione in cui descrivi tutta la situazione
  3. Allega tutti i documenti richiesti
  4. Compra una marca da bollo da 98 euro chiamata “contributo unificato” ed un’altra da 27 euro (le vendono anche in tribunale)

ATTENZIONE

NON attaccare le marche da bollo da nessuna parte finché non ti verrà dato l’OK da chi riceverà la domanda in tribunale, così da non rischiare di sprecarle nel caso la domanda non vada bene e vada rifatta

Figli minorenni

Molti tribunali NON accettano la domanda di adozione di maggiorenne se ci sono figli minorenni in famiglia (quello di Roma, invece, non fa problemi).

Se hai figli minorenni, devi presentare una domanda a parte (con marca da bollo da 27 euro) affinché il tribunale nomini un avvocato (detto “curatore speciale”) che rappresenti i tuoi figli minorenni.

Questa domanda la puoi presentare assieme a quella per l’adozione del maggiorenne.

Tale avvocato dovrà però essere pagato da te (circa 600 euro).

Bisogna presentare una specifica domanda a parte con tanto di NOTA DI ISCRIZIONE e marca da bollo da 27 euro

Consegna

Il fascicolo con la domanda va consegnato in un ufficio chiamato "VOLONTARIA GIURISDIZIONE" del tribunale civile competente per il Comune dove è residente il cittadino italiano che vuole adottare.

La domanda di adozione deve essere presentata dall'avvocato solo se il tribunale richiede obbligatoriamente che ci sia l'avvocato.

Al momento della consegna viene detto:

  • il numero della tua pratica, che è il numero progressivo delle domande ricevute quell'anno (es.: R.G. 12345/2018)
  • il giorno, l’ora e la stanza in cui presentarti per l’udienza (vedi di non mancare, perché tra un’udienza e l’altra si aspettano diversi mesi!)

ATTENZIONE

E' fondamentale prendere nota del numero "R.G." per seguire la pratica su Internet

Seguire la pratica

Conoscendo il numero "R.G." della pratica puoi sapere in ogni momento a che punto si trova.

Clicca il PULSANTE sotto e inserisci i dati richiesti.

 4   Udienza

Chi deve esserci

Da parte di chi adotta (adottante):

  • il cittadino italiano che vuole adottare il maggiorenne
  • i suoi eventuali figli maggiorenni (se esistono)
  • il suo eventuale coniuge (se esiste)
  • l'eventuale “curatore speciale” (se ha figli minorenni e se il tribunale ha accettato questa cosa)

Da parte di chi deve essere adottato (adottando):

  • il maggiorenne straniero da adottare
  • i suoi genitori (se in vita)
  • il suo coniuge (se esiste)

In questa occasione si firmerà un foglio con cui tutte le persone presenti dichiarano il proprio consenso all’adozione.

ATTENZIONE

Tutti i presenti devono avere un documento d'identità e gli stranieri anche il passaporto con il visto o il permesso di soggiorno che mostri che sono "regolari" in Italia

Nel caso di figli minorenni

Molti tribunali non accettano la domanda di adozione di un maggiorenne se chi lo vuole adottare ha figli minorenni, ma alcuni sì.

In questo caso, il tribunale nomina un "curatore speciale" che rappresenti il figlio minorenne.

Questo "curatore speciale" è un avvocato privato che, però, sarai tu a dover pagare (circa 600 euro) per il lavoro di preparare una relazione che dovrà consegnare qualche settimana prima dell'udienza per l'adozione.

Questa relazione spiegherà la volontà dei figli minorenni circa l’adozione del maggiorenne.

Per chi non può esserci

Per non esserci all'udienza ci vogliono delle buone motivazioni.

La volontà di chi non può esserci può essere espressa solo con un atto notarile (e non una dichiarazione firmata, neanche con firma autenticata in Comune).

 5   Registrazione sentenza

Devi pagare 200 euro all'Agenzia delle Entrate per "registrazione sentenza"

Cos'è questa storia?

Si tratta di una pura e semplice tassa e se non la paghi la sentenza rimarrà in sospeso.

Subito dopo la decisione del tribunale, il decreto di adozione viene automaticamente inviato all’Agenzia delle Entrate competente per dove si trova il tribunale, e verrà rimandato al tribunale stesso solo dopo aver pagato i 200 euro previsti come "tassa di registrazione".

Solo a questo punto sarà possibile chiedere le copie autenticate della sentenza per poterle poi usare per dimostrare l'avvenuta adozione,

Come pagare

Dopo un mese circa dalla sentenza, il decreto risulterà “IN ATTESA DI PAGAMENTO”.

A questo punto:

  1. Vai al link sotto e seleziona l'ufficio dell'Agenzia delle Entrate competente per il territorio del tribunale.
  2. Come "Natura provvedimento" prova sia "DV - Decreto Volontaria Giurisdizione" che "SA - Sentenze di adozione, riabilitazione e cambio sesso"
  3. Come "Numero" inserisci il numero della sentenza di adozione, che ti è stato comunicato con raccomandata chiamata "relata di notifica" (NON è più il numero "R.G.").
  4. Come "Sottonumero" non scrivere niente

Ora puoi visualizzare e stampare il modello di pagamento F23 (clicca "Compila F23" in basso a destra), che puoi pagare anche on-line dal sito Internet della tua banca.

 6   Copie sentenza

Servono per fare tutto quello che c'è da fare dopo, come chiedere il permesso di soggiorno

Prima la rinuncia al ripensamento

Dopo qualche mese (da 1 a 4), il decreto viene rimandato al tribunale, dove rimarrà "in sospeso" per un mese per dare la possibilità di essere annullato senza troppi problemi in caso di ripensamento (sia da parte dell'Italiano che adotta che del maggiorenne straniero). Durante questo mese di attesa non è possibile chiederne alcuna copia autenticata.

Se, invece, hai fretta di ottenere queste copie (che è il caso normale), allora bisogna tornare in tribunale per firmare la rinuncia a ricorrere contro.

Si chiama “acquiescenza per rinuncia all’appello verso adozione di maggiorenne” e si devono presentare per firmare, insieme, sia il cittadino italiano che ha adottato che il maggiorenne che è stato adottato.

Poi la richiesta copie

Dopo una settimana circa (il tempo che il decreto torni in archivio) puoi finalmente ritornare in tribunale (un'altra volta...) per chiedere le necessarie copie autenticate del decreto di adozione (meglio almeno 4, così da essere sicuri di non doverci tornare mai più, perché ogni volta si perdono 2 mattinate tra chiedere una copia e andarla poi a ritirare...).

Quanto costano le copie

Circa 10 euro ciascuna (copie autenticate).

Quando si possono ritirare le copie

Dopo almeno 3 settimane puoi tornare a ritirare le copie autenticate richieste.
Se hai fretta, pagando il triplo puoi avere le copie dopo soli 3 giorni.

SENTENZA DI ADOZIONE DEL 2014 CON MINORENNE IN FAMIGLIA